Ultime notizie

E' scomparso Lino Di Stefano

foto lino di stefano

 

E' scomparso Lino Di Stefano, di cui abbiamo sempre apprezzato il grande impegno culturale e la continua riproposta del pensiero gentiliano. Con l'ISSPE Lino Di Stefano ha pubblicato, nel 2014, il libro "Gentile: l'uomo e l'opera".

Ne pubblichiamo parte della Premessa.

“Per GIOVANNI GENTILE

Il pensiero di Giovanni Gentile è sempre più al centro dell'attenzione non solo degli studiosi, ma soprattutto della gente colta e dell'opinione pubblica oltremodo interessata, quest'ultimo, a capire perché una filosofia così affascinante, come l'attualismo, abbia dovuto per tanto tempo subire un ostracismo che non ha riscontro nella storia della speculazione e della cultura in genere. Motivi politici? In buona parte sì, ma non solo questi hanno contribuito a considerare quasi come "un cane morto", secondo l'espressione di uno studioso, il più grande filosofo italiano del Novecento ed uno dei rappresentanti più eminenti della filosofia europea.Non a caso, il Natoli, in un suo incisivo e fortunato libro, ha definito il teorico dell'attualismo "pensatore europeo" per le implicazioni profonde insite in una dottrina quanto mai affascinante ed avveniristica. Gli stessi Geymonat e Bobbio,mai teneri per la verità nei riguardi del teorizzatore dell'"Atto puro"- hanno rettificato il tiro ed hanno riconosciuto che con Giovanni Gentile devono fare i conti tutti, epigoni ed avversari; non foss'altro per l'afflato etico-religioso, per la coerenza e, non ultimo, per l'alta lezione teoretica, che si sprigionano dal sistema neoidealistico.L'eredità che ci ha lasciato il filosofo siciliano è grande; non solo sul piano strettamente speculativo, ma anche nella sfera civile per la serietà con la quale, anche nei momenti più tristi della storia d'Italia, è riuscito a restare al suo posto a rischio della sua stessa incolumità perché, com'egli scriveva alla figlia Teresina, "Aspettare, tappato in casa, che maturino gli eventi è il solo modo che ci sia di comprometterli gravemente". 

 

 

 

 

gentile
 

Si è spento Vincenzo Fardella de Quernfort

 

"Si è spento Vincenzo Fardella de Quernfort, Presidente Onorario dell’Associazione di Storia Postale Siciliana, Associazione, da Lui fortemente voluta e guidata sin dal 1997, e socio dell'ISSPE.

Fardella ha contribuito, in settanta anni di continuo e instancabile impegno culturale, alla diffusione della storia postale siciliana con una serie ragguardevole di iniziative espositive e promo educative dalla grande valenza culturale e sociale.
Un appassionato ed appassionante vissuto culturale , quello di Vincenzo Fardella , che si è sempre imposto per rigore scientifico e dedizione, per costruire “una nuova immagine della Filatelia come spunto, stimolo e supporto a ricerche storiche di incontestabile contenuto scientifico.+
 
 
    

 

SCRIVONO DI NOI

 

Castelli. torri, tonnare e fari nell'antico territorio dio Bagheria

Scomparso Mimmo Lo Iacono

Ci ha lasciato Mimmo Lo Iacono, Amico affettuoso e generoso; coerente, splendido e coraggioso protagonista della Destra siciliana. Nativo di Mistretta, che tanto amava, è stato Consigliere della Provincia Regionale di Palermo dal 1960 al 1985. Segretario Regionale per la Sicilia della CISNAL dal 1981 al 1990. Docente di Storia Contemporanea presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Palermo, ha ricoperto la carica di Vicepresidente dell’ISSPE. Autore di diverse pubblicazioni tra le quali "Le industrie a Palermo dopo l’Unità d’Italia" (1979), "L’Economia siciliana post-unitaria" (1980), "Aspetti sociali e politici della tratta dei negri in Africa" (1981), "Da I Vespri d’Italia di Alfredo Cucco alla Cisnal di Ivo Laghi" (2008), "Alfredo Cucco, l’uomo, il politico, il medico" (2009), "Economia in Sicilia dai Borbone al Fascismo" (2011),"Il Fascismo clandestino in Sicilia. L’invasione americana, le stragi in Sicilia, il fascismo clandestino nelle nove province, il movimento dei “Non si parte” con prefazione di Giuseppe Parlato (2012, II ed. 2015), lavoro questo che “si segnala per la notevole capacità interpretativa e per la decisiva adesione ai documenti”. 
Alla Famiglia le condoglianze più sentite di Umberto Balistreri, Tommaso Romano, del Consiglio Direttivo e di tutti i soci dell’ISSPE.

 

 

 

 

 

Register and Claim Bonus at williamhill.com